Associazione culturale Arte in Musica

 


 Chi siamoAttivitàFotogalleryLocandineContattiEventi 2014


Attività di produzione artistica

L’attività di produzione artistica dell’Associazione Culturale “Arte in Musica”, si propone di concorrere alla diffusione della cultura musicale, quale elemento essenziale per la crescita culturale e intellettuale, mediante la realizzazione di spettacoli (concerti, rassegne, seminari di studio, ecc.) rivolti ad un pubblico interessato sia alla musica della tradizione popolare che di quella “colta”.

Tali attività si distinguono in:

  • Attività culturali: convegni, conferenze, dibattiti, seminari, proiezioni di films e documenti, concerti, lezioni-concerti, corsi di musica per bambini e ragazzi a partire dai 3 anni e per giovani ed adulti, incontri di musicoterapia;

  • Attività di formazione: corsi di aggiornamento teorico/pratici per educatori, insegnanti, operatori sociali, corsi di perfezionamento in musicoterapia, istituzioni di gruppi di studio e di ricerca;

  • Attività editoriale: pubblicazione di un bollettino, pubblicazione di atti e convegni, di similari, nonché degli studi e delle ricerche compiute.

    p 

Per i nuovi appuntamenti, si può consultare il blog dell'associazione

*   *   *   *   *

Calendario attività artistica 2013

 

FESTIVAL DEL MEDITERRANEO 2013

“Rassegna di Musica e Cultura in Sardegna”

  

·  Concerto n°1 “L’organo nella musica tedesca”: organista M° Klemens Schnorr (Germania), 29 maggio 2013  Basilica Sacro Cuore Sassari;

·  Concerto n°2 “La letteratura per duo organistico”: duo  organistico : M° Irina Kalinovskaya , M° Masha Kirillova (Ucraina), 15 giugno 2013, Cattedrale di Alghero;

·   Concerto n°3 “La scuola russa” : organista M° Liudmila Matsyura (Spagna) 29 giugno 2013, Cattedrale di Tempio;

·   Concerto n°4 “Dal barocco al Romantico”: organista: M° Adriano Falcioni (Perugia), 13 luglio  2013 Chiesa parrocchiale di Arzachena;

·    Concerto n°5 “Percorsi organistici”: organista: M° Simona Fruscella (Sardegna), 27 luglio 2013 Basilica di S. Gavino Porto Torres.

·    Concerto n°6: “Ensemble di trombe” dell’Associazione Arte in Musica, 22 agosto 2013 Alghero, Piazza Civica

·  Concerto n°7: “Ensemble di tromboni” dell’Associazione Arte in Musica, 23 agosto 2013 Alghero, Piazza San Francesco,

·    Concerto n°8: “Ensemble di clarinetti” dell’Associazione Arte in Musica, 24 agosto 2013 Alghero, Piazza municipio, ·   Concerto n°9: “Concerto dei migliori corsisti del Master Internazionale di Alto Perfezionamento Riviera del Corallo ”, 25 agosto 2013 Alghero,   Piazza Enzo Sanna

·  Concerto n°10: concerto-conferenza “Elementi popolari e ricerca nelle composizioni pianistiche di Gavino Gabriel”, 26 agosto 2013 Ozieri, Centro Culturale San Francesco ore 21,00 Antonella Chironi, pianoforte, Barbara Cossu, soprano.

·  Concerto n°11: Orchestra di Fiati dell’Associazione Arte in Musica, 27 agosto 2013 Ozieri, piazza del Cantaro ore 21,00, solista Jasmin Ghera (tromba) direttore Luigi Bascapè;

·   Concerto n°12: Ensemble di Ottoni dell’Associazione Arte in Musica, 28 agosto 2013, Fertilia, piazza San Marco ore 21,00, solista Giuliano Rizzotto (Trombone) direttore Gianluigi Pani.

 

*   *   *   *   *

 

Gli Eventi svolti nell'anno 2012

Venerdì 24 febbraio 2012 alle ore 20,00 presso il “Palazzo Baronale” di Sorso si è svolta la conferenza-concerto  “Omaggio a Gavino Gabriel”.

La conferenza si è prefissa di analizzare la complessa fisionomia dell’intellettuale sardo Gavino Gabriel, compositore, pioniere nel campo dell’etnomusicologia, dell’etnofonia e dell’educazione musicale nonché fondatore della Discoteca di Stato. Uno studioso che diede un contributo fondamentale alla sprovincializzazione della cultura italiana del primo Novecento.

Come da programma, alla presenza del sindaco del Comune di Sorso  Dott. Giuseppe Morghen,  dell’Assessore alla Cultura dello stesso comune Dott.ssa Simonetta Pietri e di un folto pubblico di interessati, convenuti al Palazzo grazie ad una capillare campagna pubblicitaria sui diversi mezzi di comunicazione, si sono succeduti i relatori: il Prof. Antonio Deiara, docente di musica ed esperto di metologia didattica nel campo musicale, la  Prof.ssa Lara Sonia Uras, docente di Storia della Musica presso il Conservatorio L. Canepa di Sassari, il musicologo e compositore Emiliano Giannetti, la pianista Paola Cossu, il prof. Antonio Marongiu, docente di Cultura Musicale Generale presso il Conservatorio di Sassari, ed il prof. Nicola Tanda, docente dell’Università di Sassari.

Le relazioni sono state alternate dai diversi interventi musicali, appositamente scelti per  esemplificare di volta in volta le opere musicali citate dai relatori, che hanno visto l’esibizione della pianista Antonella Chironi, del soprano Barbara Cossu e del Coro Polifonico Algherese.

La parte musicale è stata interamente basata sull’esecuzione di composizioni di Gavino Gabriel di cui sono stati eseguiti stralci dell’opera lirica  “Jura” e parte del repertorio pianistico.

I lavori si sono chiusi alle 23,30.

Per la realizzazione della manifestazione è stato determinante oltre al contributo R.A.S dell’ Assessorato della Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport quello dell’Amministrazione Comunale di Sorso, che ha sponsorizzato l’evento mettendo a disposizione la splendida cornice del Palazzo Baronale, il pianoforte e tutto il service audio-video.    

 

ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI,

 INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT

Omaggio a Gavino Gabriel

La conferenza si prefigge il fine di analizzare la complessa fisionomia dell’intellettuale sardo Gavino Gabriel, compositore, pioniere nel campo dell’etnomusicologia, dell’etnofonia e dell’educazione musicale nonché fondatore della Discoteca di Stato. Uno studioso che diede un contributo fondamentale alla sprovincializzazione della cultura italiana del primo Novecento.

Sede: “Palazzo Baronale” Sorso (data 24 Febbraio 2012)

Regione Autonoma della Sardegna

Assessore della Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e sport On. Avv. Sergio Milia.

Comune di Sorso

Assessore alla Cultura Dott.ssa Simonetta Pietri.

Relatori:

Lara Sonja Uras,         Gavino Gabriel tra tradizione popolare e musica colta

Emiliano Giannetti,       Elementi popolari e ricerca nelle composizioni pianistiche di Gavino Gabriel

Paola Cossu,                 La Jura e la produzione vocale di Gavino Gabriel

Antonio Deiara,          Dalla Didattica di Gabriel alle innovazioni Metodologiche de“La Lingua Sarda   in Musica”

Nicola Tanda,             Lingua e storia sarda

Concerto

Antonella Chironi, pianoforte

Barbara Cossu, soprano

Valentina Satta soprano

  • Trittico per pianoforte:

·         Perché mai?

·         Ipponattea (Fantasia zoppa)

·         La danza dello scemo

 

  • Composizioni per pianoforte:

·         n. 2  Abbrivi

·         n. 7  Labirinto

 

  • Preghiera da La Jura
  • Soliloquio  di Anna da La Jura

Ricerca iconografica di Antonella Chironi

Coro “Gavino Gabriel” Tempio Pausania (programma da definire)

Coordinamento Artistico Prof. Antonio Mura

Recupero e Revisione Partiture Prof. Ugo Spanu

 


*   *   *   *   *

Gli Eventi svolti nell'anno 2011

 

L’attività di produzione artistica dell’Associazione Culturale “Arte in Musica”, si propone di concorrere alla diffusione della cultura musicale, quale elemento essenziale per la crescita culturale e intellettuale, mediante la realizzazione di spettacoli (concerti, rassegne, seminari di studio, master ecc.) rivolti ad un pubblico interessato sia alla musica della tradizione popolare sia a  quella “colta”.

L’Associazione, che non ha scopo di lucro, in ordine ad un intervento di promozione culturale si prefigge dunque il conseguimento dei seguenti obiettivi già posti a fondamento del suo Statuto:

·         l’istituzione di corsi permanenti di formazione musicale che abbraccino diverse discipline, al fine di divulgare una corretta educazione musicale. Detti corsi potranno avere indirizzo sia amatoriale sia professionale;

·         promuovere ricerche teorico musicologiche (storico-musicali, etnomusicologiche, organologiche, sociologico-musicali, etc.), ricerche d’estetica musicale ed estetica generale, nonché tutte quelle ricerche critico-filosofiche che abbiano attinenza con le problematiche musicali e, più in generale, artistiche;

·         organizzare concerti e manifestazioni musicali di vario genere;

·         stimolare e promuovere la costituzione di gruppi vocali e strumentali, cameristici e/o corali e orchestrali;

·         stimolare e organizzare manifestazioni culturali e artistiche di vario genere  (conferenze scientifiche, letterarie, filosofiche, storiche, sociologiche, proiezioni di film, organizzazione di mostre d’arti figurative, organizzazione di spettacoli teatrali, etc.) – anche non direttamente attinenti alla musica, le quali possano, però, avere una ricaduta positiva sulla ricerca e sul pensiero musicale;

·         diffondere con qualsiasi mezzo, gli esiti dell’attività di cui ai punti precedenti;

·          pubblicare studi e lavori musicologici, atti, documenti e traduzioni.

 

Per l’anno 2011, le risorse dell’Associazione saranno destinate principalmente alla realizzazione della manifestazione “FESTIVAL DEL MEDITERRANEO 2011- Musica e Cultura in Sardegna”  appuntamento fisso nella programmazione delle iniziative culturali e musicali che saranno realizzate annualmente dall’Associazione e comprenderà in se eventi culturali diversi (concerti, convegni, conferenze, rappresentazioni sceniche, master ecc.) finalizzati al conseguimento degli obbiettivi specificati nello statuto posto a fondamento della stessa Associazione Arte in Musica.

Della manifestazione, articolata in più incontri, si darà di seguito descrizione precisa, indicando i diversi appuntamenti, i tempi e località di realizzazione e le risorse umane impegnate.

 

FESTIVAL DEL MEDITERRANEO 2011

“Musica e Cultura in Sardegna”

 Conferenze-Concerto in collaborazione con i docenti del Conservatorio di Musica di Sassari

(in occasione dei 150 anni della Repubblica)

Il progetto di una serie di conferenze-concerto itineranti, volte alla divulgazione di repertori musicali e letterari poco o mal noti, nasce in occasione della celebrazione del 150° anniversario dell'unità d'Italia. Nel primo ciclo di conferenze, dedicato al Recupero della musica antica come contributo al processo di unificazione dell’Italia si cercherà di promuovere il confronto sui temi del nazionalismo e dell'identità italiana, sulla base dell'analisi del processo di riscoperta del repertorio antico operato da Gabriele d’Annunzio in qualità di letterato e di promotore di progetti musicali, (come la pubblicazioni della collana Classici della Musica Italiana).  È anche grazie a questo recupero di forme compositive che avevano contraddistinto momenti tra i più felici della storia della musica della nostra penisola che gli autori di musica del primo Novecento italiano (Alfredo Casella, Ottorino Respighi, Goffredo Petrassi ed altri) rinnovano i fasti del passato. Il repertorio proposto per la parte musicale della serata sarà costituito da musiche antiche di cui d'Annunzio, primo addirittura rispetto ai  musicologi, trattò ampiamente nei suoi scritti, in particolare nei suoi romanzi. Musiche che egli descrisse con prose poetiche di carattere, si potrebbe dire, pittorico.   L’articolo LXIV della Costituzione di Fiume approntata dal poeta insieme all’anarchico di sinistra Alceste De Ambris recita: «Nella Reggenza italiana dal Carnaro la Musica è una istituzione religiosa e sociale». Da quii lo spunto per un percorso musicale e letterario alternativo rispetto alle letture ormai superate di una critica funzionale a correnti politiche di destra e di sinistra.

Le conferenze-concerto saranno introdotte da Antonio Marongiu, docente di Cultura musicale generale presso in Conservatorio di Sassari, seguiranno le relazioni La musica antica nella vita e nei romanzi di Gabriele d’Annunzio di Lara Sonja Uras, docente di Storia della Musica presso lo stesso Conservatorio, La poesia di d'Annunzio e i progetti musicali di Malipiero di Riccardo Pintus, studente presso la stessa istituzione sassarese, La ricezione dei Classici della Musica Italiana di d’Annunzio-Malipiero attraverso le cronache dell’epoca, del musicologo e compositore Emiliano Giannetti. La parte musicale, in cui saranno eseguiti brani di Alessandro e Domenico Scarlatti e Benedetto Marcello, sarà affidata al pianoforte di Antonella Chironi, ai soprani Claudia Dolce e Valentina Satta ed al coro polifonico “Santa Croce” di Sorso diretto dal M° Graziano Madrau.

Il secondo ciclo di conferenze-concerto sarà  intitolato: Le donne e la musica nel primo novecento italiano; è dedicato al ruolo delle donne musiciste e compositrici italiane nel primo Novecento, a personalità coraggiose che cercarono di far sentire la propria voce tra le difficoltà gerarchiche; artiste importanti che non possono essere dimenticate ma devono anzi essere studiate in un'epoca come la nostra in cui i ruoli accreditati nel campo sociale, lavorativo ed economico riservati e conquistati da donne meritevoli sono ancora pochissimi.

La serata sarà introdotta da Carmela Mura, Presidente dell’Associazione Arte in Musica, seguiranno le relazioni Le donne musiciste e l’antisemitismo di Stato della prof.ssa Lara Sonja Uras, docente di Storia della Musica presso il Conservatorio di Musica di Sassari; Emilia Gubitosi. Le nuove vie della vita musicale napoletana del musicologo e compositore Emiliano Giannetti; Due compositrici del primo Novecento: Elsa Respighi Olivieri Sangiacomo e Barbara Giuranna della pianista Paola Cossu e per concludere la relazione Reminiscenze barocche del primo Novecento: la toccata del prof. Antonio Marongiu, docente di Cultura musicale generale presso il Conservatorio di Sassari. Con tale relazione ci si riallaccerà al tema del primo incontro: l’importanza del recupero della musica antica nel primo Novecento.

La parte musicale, in cui saranno eseguiti brani di Barbara Giuranna e Emilia Gubitosi sarà affidata alla chitarra di Roberto Battino e al pianoforte di Antonella Chironi ed al coro polifonico algherese diretto dal M° Ugo Spanu.

Tempi e luoghi di realizzazione delle conferenze  il Recupero della musica antica come contributo al processo di unificazione dell’Italia:

  • 26 agosto 2011 Alghero, Sala conferenze Hotel La Margherita
  • 22 novembre 2011 Sorso, Palazzo Baronale
  • 23 novembre 2011 Ozieri, Auditorium Centro Culturale San Francesco

 

 Tempi e luoghi di realizzazione delle conferenze  Le donne musiciste e l’antisemitismo di Stato:

  • 24 agosto 2011 Alghero, Sala conferenze Hotel La Margherita
  • 19 dicembre 2011 Ozieri, Auditorium Centro Culturale San Francesco
  • 20 dicembre 2011 Sorso, Palazzo Baronale

 

Master Class per ottoni

La Master Class per ottoni organizzata in collaborazione con il Liceo Classico e Liceo Musicale

( D.A. Azuni) dal titolo “L’apprendimento della Tromba e la Musica come forma di Linguaggio”, tenuta dai proff. Antonio Mura, docente di Tromba al Conservatorio di Musica “L. Canepa” di Sassari (soluzioni di problematiche tecniche e/o interpretative nell’apprendimento della Tromba) e Antonio Deiara, docente di Musica I.C.S. Ittiri – Supervisore al Biennio di Formazione Docenti al. Conservatorio di Sassari ( Idee per la conoscenza e la comprensione della Musica come forma di Linguaggio nella realtà virtuale del Terzo Millennio).

Alla Master hanno partecipato 13 allievi provenienti dalla Scuola Primaria, Secondaria di I Grado ad Indirizzo Musicale, Liceo Musicale e Conservatorio di musica.

E’ stata la prima iniziativa didattico-artistica che ha previsto la presenza contemporanea di allievi di diverso ordine di Scuole, creando una continuità didattica e promuovendo la formazione musicale degli artisti e dei docenti di domani, utilizzando strategie metodologico-didattiche innovative che favoriscono il “successo scolastico”, a livelli differenti a tutti gli alunni.    

La master si è conclusa con esiti positivi, sia della stampa e TV locali che degli allievi che si sono brillantemente esibiti nel concerto tenutosi nell’Università degli Studi Clinica Ginecologica e Ostetrica di Sassari diretto e concertato dal M° Antonio Mura.

 

Concerti volti alla scoperta ed alla salvaguardia del patrimonio organistico della Sardegna

I concerti per organo e per organo e strumenti o voci organizzati dall’Associazione musicale ARTE in MUSICA fanno parte degli appuntamenti del FESTIVAL DEL MEDITERRANEO 2011, ospitano musicisti italiani ed esteri, sono dislocati nel territorio e si propongono di rivalutare i numerosi organi della Sardegna e offrire allo stesso tempo un percorso interessante per gli appassionati ,ma non solo  per loro , del genere.

L’organo, al pari del rintocco delle campane, per secoli ha sottolineato e scandito i momenti cruciali della vita delle comunità, piccole o grandi, centrali o marginali, creando le colonne sonore sia della festa come dei lutti, accompagnando in alcuni casi momenti di gioia e speranza ed in altri di smarrimento e dolore. Non a caso in molte nostre chiese, i più importanti centri dell’aggregazione delle nostre comunità, spazi del religioso, certamente, ma anche luoghi di incontro ,si trovano organi di una certa rilevanza e di sicuro pregio.

Riascoltare questi organi, rivalutare questo patrimonio musicale così poco conosciuto, toccando vari centri dell’isola ed alcune chiese tanto ingiustamente quanto scarsamente note, significa anche riflettere sulle nostre comunità, la loro storia, sul ritrovarsi insieme.

Significa ancora, andare in controtendenza rispetto alla omologazione e omogeneizzazione dei gusti, con la speranza che l’organo, strumento popolare ma non per questo meno colto, se non riaccenda emozioni quantomeno offra agli ascoltatori un momento piacevole di svago intelligente.

Ecco allora la necessità di decentrare i vari appuntamenti nel territorio, di diffondere i concerti laddove spesso le programmazioni di tradizione non arrivano, di richiamare anche quella parte di pubblico meno abituata alla musica vista come puro momento di ascolto ed avvicinarla alle grandi pagine della letteratura musicale.

La realizzazione di tali concerti nasce dunque allo scopo di valorizzare il patrimonio strumentale realizzando eventi musicali in cui l’organo sia protagonista, sia quando suona da solo che quando accompagna altri strumenti o voci, anche in quelle chiese in cui la locale comunità  non ha risorse sufficienti da destinare alla cultura musicale.

Sarà occasione di ascoltare interpreti affermati, isolani e non, giovani strumentisti e cantanti e segnalare situazioni di particolare degrado degli strumenti al fine di attivare progetti di recupero  che coinvolgano enti pubblici e privati.

Tempi, luoghi di realizzazione e risorse umane coinvolte:

  • 22 gennaio Chiesa del Rosario Pattada, Quartetto d’Archi
  • 5 maggio 2011 Basilica Sacro Cuore Sassari, organista : M° Ivan Sarajishvili
  • 6 maggio 2011 Cattedrale di Santa Maria Alghero, organista: M° Ivan Sarajishvili
  • 7 giugno 2011 Basilica Sacro Cuore Sassari, organista: M° Adriano Falcioni

 

In merito ai criteri di selezione e valutazione delle proposte, di cui al punto 4 del bando di concessione del contributo si forniscono i seguenti chiarimenti:

  1. Capacità tecnico organizzativa: L’Associazione opera da 4 anni;
  2. Cofinanziamento: compartecipazione finanziaria al 30% da parte dei seguenti Enti pubblici: Comune di Ozieri, Comune di Pattada, Comune di Sorso, Comune di Alghero e del 10% da parte di Soggetti Privati;
  3. Carattere della manifestazione: nazionale/internazionale;
  4. Coinvolgimento realtà locali: Conservatorio di musica (università), Associazioni (coro di sorso, e coro polifonico algherese);
  5. Circuitazione nei comuni della provincia: realizzazione spettacoli nei comuni di Alghero; Sassari, Ozieri, Sorso, Pattada;
  6. Durata evento: più di due date.

    Masterclass sull'uso della tromba

     Martedì 27 dicembre 2011 al Conservatorio di Musica Luigi Canepa di Sassari, in occasione della conferenza stampa, è stata presentata la Master Class per ottoni organizzata dall’Associazione “Arte in Musica” col patrocinio dell’Assessorato alla Cultura (Politiche sociali, giovanili, culturali, salute e Pari opportunità) della Provincia di Sassari, erano presenti i docenti della master Prof. Antonio MURA e prof. Antonio DEIARA, la Prof.ssa Cinzia SACCHETTI (Direttore del Conservatorio di musica L. Canepa) di Sassari, il Prof. Gaetano MICIELI (vice Dirigente Scolastico Liceo Classico e Liceo Musicale “D.A. Azuni) di Sassari, Prof. Ugo SPANU (Docente di Organo e Canto Gregoriano del Conservatorio) cofondatore e Direttore Artistico dell’Associazione “Arte in Musica ”.

    Successivamente nei giorni 28 e 29 dicembre nei locali del Liceo Classico e Liceo Musicale ( D.A. Azuni) di Sassari si è svolta la Master Class per Ottonio dal titolo “L’apprendimento della Tromba e la Musica come forma di Linguaggio”.

    La Master è stata tenuta dai prof:

    -       Antonio MURA (– Docente di Tromba Conservatorio di Musica “L. Canepa” di Sassari)

    Soluzioni di problematiche tecniche e/o interpretative nell’apprendimento della Tromba;

    -       Antonio DEIARA (– Docente di Musica I.C.S. Ittiri – Supervisore B.F.D. Conservatorio SS)

    Idee per la conoscenza e la comprensione della Musica come forma di Linguaggio nella realtà virtuale del Terzo Millennio.

    -       Alla  Master Class hanno partecipato 13 allievi provenienti dalla Scuola Primaria, Secondaria di I Grado ad Indirizzo Musicale, Liceo Musicale e Conservatorio e, grazie al sostegno dell’Assessorato alla Cultura (Politiche sociali, giovanili, culturali, salute e Pari opportunità) della Provincia di Sassari non sono stati previsti costi di iscrizione o di frequenza.

    -      E’ stata la prima iniziativa didattico-artistica che ha previsto la presenza contemporanea di allievi della Scuola Primaria, di quella Secondaria di Primo Grado e del Conservatorio: creando una continuità didattica tra gli ordini di Scuola, promuovendo la formazione musicale degli artisti e dei docenti di domani, utilizzando strategie metodologico-didattiche innovative che favoriscono il “successo scolastico”, a livelli differenti a tutti gli alunni.

    La master si è conclusa con esiti positivi, con il concerto finale degli allievi, tenutosi nell’Università degli Studi Clinica Ginecologica e Ostetrica di Sassari (vedi manifesto e locandina), diretto e concertato dal M° Antonio Mura, in conclusione del concerto gli allievi si sono inoltre esibiti nei vari reparti ottenendo consensi favorevoli dalle mamma in attesa.

    Sono state eseguite musiche di Beethoven, Rodriguez, W. Brandt e brani della tradizione natalizia e sarda etc.

    Al concerto hanno partecipato i seguenti allievi:

     

    1.       Coco Giorgia (Allieva della Scuola Primaria dell’Ottavo Circolo-Sassari)

    2.      Cossu Elisabetta (Allieva del Conservatorio di musica L. Canepa di sassari)

    3.      Demontis Edoardo (allievo della Scuola Media Statale n° 3 – Sassari)

    4.      Floris Maurizio (Allievo della Scuola Primaria dell’Ottavo Circolo-Sassari)

    5.      Fara Francesco (Allieva del Conservatorio di musica L. Canepa di Sassari)

    6.      Frau Marco (Banda musicale di Calangianus)

    7.      Satta Grazia (Allieva del Conservatorio di musica L. Canepa conv. Liceo Azuni-Sassari)

    8.      Scanu Elisa (allieva della Scuola Media Statale n° 3 di Sassari)

    9.      Sini Antonio ((Allieva del Conservatorio di musica L. Canepa di Sassari)

    10.    Sechi Laura (Diplomata al Conservatorio di musica L. Canepa di Sassari)


*   *   *   *   *

Gli Eventi svolti nell'anno 2010



Nell'anno 2010, l'associazione ha realizzato le seguenti manifestazioni, alcune delle quali stanno oramai divenendo, anno dopo anno, un appuntamento fisso:

  • VI Rassegna Organistica. 9 aprile 2010. Cattedrale di Santa Maria. Alghero, ore 20.30.

       Susanne Jutz-Miltschitzky, soprano. Josef Miltschitzky, organo.

 

  • VII Rassegna Organistica. 6 luglio 2010 Sassari, Basilica del Sacro Cuore, ore 21.00. 7 luglio 2010 Alghero, Cattedrale di Santa Maria, ore 21.00.

      Manuela Farina, soprano. Maurizio Corazza, organo. Coro Polifonico Città di Sennori. Direzione Artistica di Ugo Spanu.

 

  • Martedì 25 maggio 2010, Sassari, Basilica del Sacro Cuore, ore 21.00. Giovedì 27 maggio 2010, Alghero, Cattedrale di Santa Maria,  ore 20.30. Recital. Robert Lehrbaumer, organo.

 

*   *   *   *   *

Gli Eventi svolti nell'anno 2009

Per l’anno 2009, le risorse dell’associazione sono state destinate principalmente alla realizzazione di due manifestazioni, in seguito descritte maggiormente in dettaglio:

  • V festival Organistico internazionale 2009;
  • Le Faville di Prometeo: Azione scenica per quattro soprani, pianoforte, clavicembalo, due cori  e voce recitante.

 

 

Il Festival Organistico Internazionale

Patrimonio organistico della Sardegna

 Il Festival Organistico Internazionale  organizzato dall’Associazione musicale ARTE in MUSICA è un appuntamento fisso che si propone di rivalutare i numerosi organi della Sardegna e offrire allo stesso tempo un percorso interessante per gli appassionati ,ma non solo  per loro , del genere.

L’organo, al pari del rintocco delle campane, per secoli ha sottolineato e scandito i momenti cruciali della vita delle comunità, piccole o grandi, centrali o marginali, creando le colonne sonore sia della festa come dei lutti, accompagnando in alcuni casi momenti di gioia e speranza ed in altri di smarrimento e dolore. Non a caso in molte nostre chiese, i più importanti centri dell’aggregazione delle nostre comunità, spazi del religioso, certamente, ma anche luoghi di incontro ,si trovano organi di una certa rilevanza e di sicuro pregio.

Riascoltare questi organi, rivalutare questo patrimonio musicale così poco conosciuto, toccando vari centri dell’Isola ed alcune chiese tanto ingiustamente quanto scarsamente note, significa anche riflettere sulle nostre comunità, la loro storia, sul ritrovarsi insieme.

Significa inoltre andare in controtendenza rispetto alla omologazione e omogeneizzazione dei gusti, con la speranza che l’organo, strumento popolare ma non per questo meno colto, se non riaccenda emozioni quantomeno offra agli ascoltatori un momento piacevole di svago intelligente.

Ecco allora la necessità di decentrare i vari appuntamenti nel territorio, di diffondere i concerti laddove spesso le programmazioni di tradizione non arrivano, di richiamare anche quella parte di pubblico meno abituata alla musica vista come puro momento di ascolto ed avvicinarla alle grandi pagine della letteratura musicale.

Il  FESTIVAL ORGANISTICO nasce dunque allo scopo di valorizzare il patrimonio strumentale realizzando eventi musicali in cui l’organo sia protagonista, sia quando suona da solo che quando accompagna altri strumenti o voci, anche in quelle chiese in cui la locale comunità  non ha risorse sufficienti da destinare alla cultura musicale.

Sarà ogni anno un'occasione per ascoltare interpreti affermati, isolani e non, giovani strumentisti e cantanti e segnalare situazioni di particolare degrado degli strumenti al fine di attivare progetti di recupero  che coinvolgano enti pubblici e privati.

I tempi e i luoghi di realizzazione e risorse umane coinvolte per il Festival, negli anni 2009 e 2010, sono stati i seguenti:

16 Luglio 2009, ore 21.00

Cattedrale Santa Maria

Maurizio Corazza, organo

Schola Cantorum Pietro Allori, Alghero

 

12 agosto 2009, ore 21.00

Cattedrale Santa Maria

Marta Soggiu, soprano

Giovanni Solinas, organo

 

30 ottobre 2009, ore 21.00

Cattedrale Santa Maria

Chiara Molinari, soprano

Wladimir Matesic, organo

Le faville di Prometeo

Azione scenica per quattro soprani, pianoforte, clavicembalo, flauto due cori e voce recitante.

Si tratta dello sviluppo dell’opera la cui realizzazione è iniziata nel 2009 ad Alghero, in collaborazione con il Conservatorio di Musica “ L.Canepa” di Sassari.

Lo spettacolo, già in passato scenicamente molto articolato, è stato completamente rivisto dal regista Enrico Fauro che ne ha rielaborato la regia tenendo conto dell’ampliamento dell’organico previsto dal nuovo copione che ha previsto l'aggiunta di altri due soprani, di un clavicembalo, del flauto e di due cori.

La scenografia ed i costumi sono stati a cura dell’associazione teatrale AnalfabElfica di Alghero. 

Il progetto nasce da un progetto della Docente del corso di Storia della Musica (Biennio specialistico) Lara Sonja Uras. Visto un profondo interesse verso la musica vocale da camera in lingua italiana nato a seguito di un corso monografico dedicato alla lirica da camera italiana, ancora oggi poco eseguita, è nata quindi l’idea di una rappresentazione teatrale  di brani di questo repertorio.

Si è individuato nei Sonetti delle fate di Gian Francesco Malipiero – scritto esattamente un secolo fa – un testo musicale di estremo interesse storico, letterario e musicale. Le caratteristiche del ciclo compositivo che ne fanno un interessante oggetto d’esecuzione e di studio sono molteplici. Si tratta dell’opera che prelude all’importante collaborazione fra d’Annunzio e Malipiero, il suo testo letterario è ricco di riferimenti colti (da De Montalvo a Shakespeare, da Bernardo Tasso a Flaubert e Lorrain), la sua scrittura musicale assai fantasiosa tratta con estrema libertà le conquiste espressive dei compositori di fine secolo sia di scuola francese che tedesca.

Il progetto prevede la messa in scena e l’esecuzione di alcune composizioni che si sono rivelate esperienze fondamentali nell’ambito dell’evoluzione della musica vocale e strumentale del primo Novecento, indagandone le relazioni sinestetiche con altri ambiti dell’esperienza artistica delle avanguardie storiche senza però trascurare la musica antica che proprio in questo periodo veniva riscoperta e riproposta al pubblico grazie anche al lavoro di ricerca dello stesso Malipiero.

Lo spettacolo è stato preceduto da una conferenza su ”la lirica da camera su testi dannunziani” in cui si è approfondito lo studio di questi testi musicali e poetici; in tal modo si intende offrire al pubblico gli strumenti necessari per la comprensione di questo specifico repertorio. Lo studio della prassi esecutiva viene quindi affiancato ed integrato dall’analisi del testo poetico e di quello musicale.

 Tali approfondimenti sono stati curati da docenti di diverse discipline del Conservatorio di Sassari (Canto, Composizione, Armonia, Storia della musica), al fine di poter fornire al pubblico elementi di riflessione.

Il regista Enrico Fauro ha curato la messa in scena dello spettacolo presso la sala Sassu del Conservatorio di Musica di Sassari.

 

Tempi, luoghi di realizzazione e risorse umane coinvolte per "Le Faville di Prometeo", negli anni 2009 e 2010:

18 agosto 2009, ore 21.30

Chiostro di San Francesco, Alghero

Azione scenica per due soprani, pianoforte e voce recitante

di Lara Sonja Uras e Emiliano Giannetti; regia di Ileana de Gregorio; scenografia di Laura de Gregorio; collaborazione tecnica di Fabio Manconi

 

19 agosto 2009, ore 21.00

Sala Biblioteca de l'Obra Cultural de l'Alguer

Conferenza: La lirica da camera su testi dannunziani

Relatori: Pier Luigi Alvau, Lara Sonija Uras, Gian Battista Ledda, Emiliano Giannetti, Mara Lacchè.

 

4 maggio 2010, ore 18.00

Sala Guarino del Conservatorio “L.Canepa“ di Sassari

Conferenza

La lirica da camera su testi dannunziani

Relatori:

Luca Macchi, Lara Sonja Uras, Gian Battista Ledda, Emiliano Giannetti, Enrico Fauro.

 

5 maggio 2010, ore 20.30

Sala Sassu del Conservatorio “L.Canepa“ di Sassari

Le faville di Prometeo

Azione scenica per quattro soprani, pianoforte, clavicembalo, flauto, coro  e voce recitante

di Lara Sonja Uras e Emiliano Giannetti,

Regia: Enrico Fauro

Musiche di G. F. Händel, G. F. Malipiero, E. Giannetti

Interpreti: Barbara Cossu, Sabrina Mura, Yasmin Bradi, Eulalia Lai (soprani), Antonella Chironi e Andrea Solinas (pianoforte e cembalo), Giuseppe Pelura (flauto)

Collaborazione tecnica: Fabio Manconi

Scenografie e costumi a cura dell’associazione teatrale AnalfabElfica di Alghero.

 

Sito realizzato da Corrado Carboni